Il  gruppo Carabinieri forestale di Bari ha scoperto un traffico internazionale di rifiuti, anche pericolosi, ed ha arrestato per questo tre imprenditori e sequestrato quattro aziende di trasporto.

L’operazione, scattata all’alba di oggi, ha portato all’arresto di un imprenditore egiziano e altri due di Ruvo di Puglia (Bari) e Andria (Bat), e altre sette persone sono state denunciate a piede libero con l’accusa principale di traffico illegale organizzato internazionale di rifiuti pericolosi condotto tra Italia, Egitto, Iran e Libia.

Sequestrate quattro aziende situate a Palo del Colle, Ruvo di Puglia e Andria oltre a diverse decine di mezzi pesanti e a beni per un totale di oltre un milione e settecentomila euro.