Ma è Gigantescaaaa!”“Bellissima!” I primi commenti dei piccoli Teleperformers alla vista di Nave Cavour giorno 8 Settembre presso la Base Militare Mar Grande della Marina Militare.

Trovi il nostro giornale da

Una delegazione Teleperformance  (con tanti bambini al seguito) ha avuto la possibilità di visitare alcune aree della Portaerei Cavour, la nave Ammiraglia della Marina Militare Italiana e NUMP (Nuova Unità Maggiore Portaereomobili, o semplicemente NUM), sede dell’Insegna del Comandante in Capo della Squadra Navale (CINCNAV), il cui Comandante prende il nominativo di Comandante di Bandiera.

La nave è stata denominata in onore di Camillo Benso conte di Cavour, politico ed imprenditore italiano, mentre l’identificativo ottico 550 apparteneva all’incrociatore Vittorio Veneto, ex-ammiraglia della Marina Militare.

La visita è stata resa possibile da un “gancio d’eccezione”: Simba Onlus TARANTO, da sempre partner per le attività di responsabilità sociale di entrambe le realtà e sempre attenta al mondo dei bambini.

I Teleperformers hanno potuto visitare il ponte di volo, le sale mediche, il ponte comando e attraverso le spiegazioni degli ufficiali al seguito avere tantissime informazioni su vita di bordo, attività di manovra, procedure di decollo aerei.

Clima tipico da “gita scolastica” tanta era la voglia di trascorrere qualche ora di svago insieme a colleghi e familiari.

A bordo Scambio tra il Comandante di Nave Cavour Roberto Micelli e Sergio Mapelli responsabile delle attività Operation di Teleperformance Italia.

Di seguito un breve passaggio del suo intervento:

“La Marina Militare  con la professionalità dei suoi uomini, il suo impegno a favore della pace e della sicurezza, la sua presenza radicata sul territorio di Taranto, il suo impegno per il sociale, la sua Storia è per noi esempio e faro da seguire. Siamo onorati e davvero emozionati per essere a bordo della Cavour. Auspico che in futuro, specie nel sociale, ci sia possibilità di interagire tutti insieme e provare a realizzare qualcosa di importante per questo territorio“.