Taranto: al SS. Annunziata intervento oltre l’ordinario

E’ stato eseguito un’intervento, durato circa 10 ore, in toracoscopia e laparoscopia a una donna di 58 anni, a seguito della comparsa di una disfagia (impossibilità a deglutire). La paziente si è recata presso l’IRCCS di Castellana Grotte ove è stato diagnosticato un carcinoma squamoso del terzo medio dell’esofago. Successivamente veniva sottoposta a chemio-radioterapia neo-adiuvante. Dopo tale trattamento la paziente è giunta presso la Struttura di Chirurgia Generale dello Stabilimento SS. Annunziata di Taranto. Dopo gli esami preliminari del caso e la valutazione di assenza di malattia in altri organi, la paziente è stata sottoposta in data 9 agosto 2017 ad intervento chirurgico di esofagectomia totale, tubulizzazione dello stomaco con trasposizione dello stesso in torace, ed anastomosi al collo esofago-gastrica.

Il decorso post-operatorio è stato privo di complicanze. La paziente è stata dimessa e si alimenta normalmente.

Questo tipo di intervento chirurgico, eseguito in soli pochi centri italiani, risulta molto demolitivo e non privo di possibili complicanze. La possibilità di effettuarlo con tecnica miniinvasiva ne riduce drasticamente i rischi, permettendo altresì al paziente di ben tollerarlo.

L’intervento è l’ennesimo successo dell’ASL di Taranto e dimostra, ancora una volta, la competenza e la grande professionalità delle équipe mediche che operano nelle strutture ospedaliere dell’Azienda, che consente ai residenti della provincia ionica di non dover intraprendere “viaggi della speranza”, come avveniva fino a non molto tempo fa, per sottoporsi a cure ed interventi che vanno oltre l’ordinario.

Lascia un commento