#Puglia365 approda alle sponde del Parco Archeologico di Saturo

“Popolate la grassa  terra degli Iapigi e siate la loro rovina,

quando vedrai piovere dal ciel sereno, conquisterai  territorio  e città”

Record di presenze, quello di Domenica 30 ottobre 2016 e delle due giornate antecedenti, presso il Parco Archeologico di Saturo. Nel ciclo di eventi culturali che ha incrementato il numero esorbitante di affluenze allo “Spartan Race” nel capoluogo tarantino,  tra i mostri sacri della valorizzazione storico-culturale tarantina, oltre al Museo Archeologico “M.ar.Ta”, al Castello Aragonese, a Taranto Spartana, era presente anche la Società Cooperativa Archeologica “Polisviluppo”, la cui presidenza è affidata al Dr. Gianluca Guastella, che ne rappresenta in maniera impeccabile il senso della  cooperativa. La collaborazione tra  Amm. Comunale di Leporano e la cooperativa Polisviluppo che si avvia a divenire un punto di forza per lo sviluppo socio-culturale ed archeologico del territorio leporanese, si accinge a rafforzarsi sempre più nella realizzazione e 14910345_10207831796768170_8123193160765429199_npromozione culturale. Nell’ambito del progetto regionale “InPuglia365” , promosso da Puglia Promozione, si è concretizzato un interessantissimo progetto turistico in onore delle giornate culturali inerenti alla “Fondazione di Taranto”, dando vita, inoltre, al singolare spettacolo teatrale “Lo Sbarco di Falanto” scritto, ideato e messo in scena dall’attore nostrano Massimo Cimaglia.  #Puglia365, è il Piano Strategico della Regione Puglia 2016-2025, che vede coinvolti gli operatori del settore turistico, gli enti locali, le associazioni culturali, gli stakeholder, il Mibact, gli opinion leader locali, le Università e i G.A.L. locali. Una  nuova realtà, che opererà in una visione condivisa del Turismo in Puglia.

ph. Luciano Manna

ph. Luciano Manna

L’ottima riuscita di tale progetto, nasce dalla cooperazione tra Amm. Comunale di Leporano, guidata dal primo cittadino Avv. Angelo D’Abramo, il quale ha risposto immediatamente, con estrema sensibilità e lungimiranza, alle sollecitazioni di un evento che aveva tutti i presupposti per attirare a sé l’attenzione della Regione Puglia, Cooperativa Archeologica Polisviluppo, la quale ha strutturato ed organizzato oltre l’evento, anche visite guidate al Parco Archeologico di Saturo, nonché laboratori di “archeologia sperimentale” per i più piccoli e il gruppo teatrale dell’attore Massimo Cimaglia, il quale ha strutturato la parte artistica dello spettacolo. Nuovi compagni d’avventura, sono stati i soci dell’Associazione culturale “Terra”, guidati dal presidente Toto Santacroce, i quali hanno curato con grande professionalità la logistica, l’aspetto promozionale di tali giornate e il punto accoglienza e ristoro d’epoca. In un’intervista, il presidente della Polisviluppo, l’archeologo Gianluca Guastella, afferma: «In soli tre giorni di apertura straordinaria, il gran numero di presenze ha certificato il ruolo da protagonista in Puglia dell’area archeologica di Saturo, onorando al meglio quelli che erano gli obiettivi prefissati da Inpuglia365, che nel Parco Saturo ha trovato un attrattore culturale d’eccellenza, ampliando la già ampia offerta culturale della Spartan Race, ospitata dal Comune di Taranto.»

Ed ancora:  «E’ stato davvero gratificante assistere all’afflusso costante di visitatori provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa  come Germania, Francia, Grecia ed Inghilterra, gran parte dei quali ha preso parte alle visite guidate ed ai laboratori tematici di archeologia, curate dai professionisti della Cooperativa Polisviluppo, degustando piatti tipici dell’antica Grecia, accompagnati da vino preparato secondo un’antica ricetta risalente allo stesso periodo».

Ma entrando nel vivo dell’evento, “L’Approdo di Falanto” reinterpretazione teatrale e romanzata dello sbarco di Falanto è stata una interessantissima rappresentazione teatralizzata dallo stesso gruppo teatrale di Massimo Cimaglia, attore e sceneggiatore tarantino.

ph. Luciano Manna

ph. Luciano Manna

Falanto, dunque, sarebbe stato il fondatore, che nel 706 a.C. sarebbe giunto alle sponde della Baia di Saturo, partito esule da Sparta, per fondare e colonizzare la terra, che avrebbe poi dato i natali all’antica città di Taranto.

Il condottiero spartano, si sarebbe spinto fino alle coste leporanesi, grazie all’enigmatico vaticinio espresso dall’Oracolo di Apollo: «Popolate la grassa terra degli Iapigi e siate la loro rovina. Quando vedrai piovere dal ciel sereno, conquisterai territorio e città». E fu così, che ebbe inizio l’ancestrale e gloriosa Historia Tarentina.

Lo stesso Massimo Cimaglia afferma: « Il medesimo evento, espresso da codesto sbarco, su luogo spartano, è una rappresentazione teatralizzata che riscontra sempre un grande interesse, curiosità per la suggestione di questo sbarco, che in termini culturali, sancisce l’incipit di ,luoghi mitici come il Parco Archeologico di Saturo.»

Ed ancora: « L’apoteosi del successo dello sbarco, sia stata resa possibile grazie alla presenza di un’imbarcazione che dal mare, accompagnata da recitazioni, vocalizzi, danze e musiche partene, ha rappresentato un mix di suggestioni della bellezza, che ci aiutano a ricordare l’amore per la nostra Terra e di promuoverla.» 

Il gruppo di lavoro, che ha reso possibile lo spettacolo teatralizzato, è stato reso possibile grazie alla presenza di Massimo Cimaglia in qualità di attore, Francesca Passantino in qualità di Corifea e Persefone, Daniela Marinò in qualità di danzatrice, Simona Cucci in qualità di cantante ellenica, Anna Franchini come ancella, Ettore Papadia al pianoforte, Giuseppe Grassi al violoncello, Aldo Gallone in qualità di cantante tenore, Emanuele e Dario Valentini come vogatori. La Cooperativa Polisviluppo riconosce il merito dell’Amministrazione comunale di Leporano e del sindaco Angelo Abramo che ha saputo rispondere immediatamente, con estrema sensibilità,  alle sollecitazioni di un evento che aveva tutti i presupposti per attirare a sé l’attenzione della Regione Puglia, proprio perché solo nella giornata di Domenica 30 ottobre, la cooperativa archeologica ha vagliato la presenza di circa settecento spettatori allo spettacolo dell’Approdo di Falanto. Un successo, davvero riconosciuto e soprattutto meritato.

ph. Leo Muscara

ph. Leo Muscara

Lo stesso Dr. Gianluca Guastella, afferma che «Un numero così straordinario, in controtendenza rispetto al fuorviante luogo comune che identifica l’archeologia come categoria di turismo cosiddetto “di nicchia”, al contrario, rappresenta davvero il futuro per una realtà come Taranto. Il Comune di Leporano dimostra di credere fortemente a questo semplice concetto, puntando concretamente su un turismo culturale, che, grazie alla collaborazione costante con la Cooperativa Polisviluppo, inizia ad avere riscontri importanti anche oltre i confini nazionali.»

ph. Leo Muscara

ph. Leo Muscara

Il progetto regionale “Inpuglia365” ha inaugurato, dunque, il proprio percorso culturale grazie alla presenza davvero proficua di numeri importanti, ed il Parco Archeologico di Saturo, gestito egregiamente da oltre dieci anni dalla Cooperativa Archeologica Polisviluppo, è fiero di aver apportato degnamente, un proprio ma soddisfacente contributo.

 

Video documentario dello “Sbarco di Falanto” a cura di Leonardo Muscara:

 https://www.youtube.com/watch?v=gIAl7GS7fAI&feature=youtu.be

ph. Leo Muscara

ph. Leo Muscara

Lascia un commento