Motori: l’importanza degli pneumatici

È raro assistere in Puglia, soprattutto in zone non così elevate sul livello del mare, a temperature rigide e a precipitazioni di tipo nevoso. Spostandosi però nell’entroterra, la Murgia e il Subappennino grazie alla loro particolare conformazione hanno consentito l’insediamento di centri abitati anche a diversi metri d’altezza e spesso complicano i trasporti.

In tal senso, il punto più sollecitato del trasporto privato sono senza dubbio gli pneumatici: si tratta dell’unico punto di contatto tra l’abitacolo e l’asfalto, ed è per questo che è fondamentale prestare grande attenzione al loro stato di usura e alla loro propensione ad adattarsi a temperature rigide e ad abbondanti precipitazioni. Anche su alcune strade pugliesi vige l’obbligo a partire dal 15 novembre di munirsi di pneumatici adatti ai mesi invernali, o in sostituzione di avere a bordo le catene da neve.

Volendo però valutare la propensione di scelta, qual è il prodotto che gli italiani prediligono per evitare rischi durante il periodo più freddo dell’anno? Stando alle abitudini d’acquisto relative a tutto il territorio nazionale, il prodotto più acquistato è lo pneumatico per tutte le stagioni. Questa tipologia di battistrada costituisce senza dubbio la soluzione più “comoda” e secondo l’opinione degli acquirenti è anche la più conveniente, visto che prevede un esborso una tantum per l’acquisto di pneumatici le cui caratteristiche ben si adattano a freddo e precipitazioni ma anche al caldo torrido dei mesi estivi. Questa particolare convinzione di risparmio ha fatto lievitare le vendite degli “all season”, che costituiscono allo stato attuale il 25% dell’intero mercato di settore. L’evoluzione tecnologica del settore automobilistico hanno reso ancor più affidabili questi battistrada, aumentando l’efficienza e la durata nel tempo, ma gli studi non hanno migliorato poi di tanto le prestazioni in condizioni estreme. Le performance su strada discrete ma non ottimali e una serie di dati raccolti dal Touring Club Suisse sfatano questa convinzione generale, visto che nella maggior parte dei casi gli pneumatici per le quattro stagioni non sono più economici dell’alternanza tra pneumatici estivi e invernali nel rispetto della normativa prevista.

Gli esperti del sito specializzato Pneumatici Outlet consigliano però di abbinare attentamente le caratteristiche degli pneumatici alle esigenze specifiche degli automobilisti. Le differenti condizioni di viaggio e il chilometraggio pesano in maniera probante sulla scelta: da una parte un risparmio quanto meno apparente dovuto ad un unico montaggio durante l’anno e da un unico acquisto, dall’altro però chi utilizza spesso l’automobile potrebbe anche incorrere in costi supplementari legati proprio all’adattamento complessivamente meno performante. A causa delle particolari scanalature del battistrada, studiate per garantire maggiore aderenza in inverno, le case produttrici consigliano di invertire gli pneumatici per le quattro stagioni ogni 15mila chilometri, per allungare il ciclo di vita dello stesso, che resta però in ogni caso decisamente inferiore a quello dei prodotti stagionali. In Puglia è poi molto diffusa l’opzione delle catene da neve, molto utili per precipitazioni non così abbondanti e facili da montare in caso di necessità. In questo caso, il risparmio è ancor più accentuato, soprattutto per gli automobilisti che si limitano a circolare per le strade regionali e non percorrono lunghi tratti. In ogni caso, gran parte della scelta è influenzata da due fattori: il marketing sempre più imponente anche online da un lato, recensioni e passaparola dall’altro.

Lascia un commento