Mesagne: conferenza sulla “Salute nei Bambini ed Interferenti Endocrini”

Anche quest’anno il professore Francesco Chiarelli (Professore Ordinario di Pediatria dell’Università di Chieti, Direttore del Laboratorio di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica, Università di Chieti, Consulente della Commissione Europea e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità) rinnova il suo speciale rapporto con la Comunità pugliese e con l’ISBEM, tenendo una conferenza magistrale sugli Interferenti Endocrini (IE) e la Salute nei Bambini. Appuntamento sabato 29 luglio 2017, ore 20.00-21.30,  nell’Atrio del Castello di Mesagne.

L’evento intende promuovere la salute con la formazione, la ricerca, la clinica e la potenza dell’epidemiologia. Secondo la definizione adottata dall’Unione Europea “l’Interferente Endocrino è una sostanza esogena (ossia derivante da fattori esterni all’organismo), che altera la funzionalità del sistema endocrino, causando effetti avversi sulla salute di un organismo, oppure della sua progenie o di una parte della popolazione”: questa vasta categoria di sostanze insidiano quotidianamente la nostra salute in modo subdolo, spaziando dai contaminanti ambientali agli agenti fitosanitari, dagli antiparassitari ai composti usati in ambiti industriali e di consumo comune, senza escludere composti naturali come i fitoestrogeni. Pertanto, la valutazione dei possibili rischi associati all’esposizione ad Interferenti Endocrini riguarda diversi ambiti e specificamente, gli stili di vita, l’ambiente e l’alimentazione. Questi composti chimici sono molteplici e la loro eterogeneità è direttamente correlata alle numerose vie con cui l’essere umano si espone conseguentemente. È comprovata ormai la loro capacità di alterare svariati meccanismi del sistema endocrino che è complesso ed agisce su molti organi e sistemi (principalmente il sistema riproduttivo e la tiroide), ma anche sul sistema nervoso e immunitario (soprattutto nelle fasi dello sviluppo pre- e post-natale). Un’esposizione prolungata agli Interferenti Endocrini può influenzare negativamente lo sviluppo, la crescita, la riproduzione e addirittura il comportamento.

L’interesse della comunità scientifica in merito è sensibilmente aumentato nell’ultimo decennio, riflettendo su una problematica non semplice da risolvere e che richiede urgenti provvedimenti. Il primo passo da compiere è certamente informare il cittadino in merito ai rischi derivanti dall’esposizione ad alcune sostanze chimiche presenti in oggetti e alimenti della nostra quotidianità. La conoscenza delle fonti di esposizione a tali sostanze e delle possibili alternative esistenti, infatti, rende il cittadino in grado di adottare scelte consapevoli con una conseguente riduzione del rischio.

Il Professor Chiarelli affronta questi e altri problemi di Salute Pubblica con la competenza del Clinico-Ricercatore e con la passione del Cittadino attivo. Pertanto, il Comune di Mesagne e l’ISBEM invitano tutti i Cittadini a porre attenzione ai temi trattati dal luminare in modo da accrescere la consapevolezza sui numerosissimi fattori e contesti che sono invero insidiosi per la salute pubblica, in quanto creano danni individuali dolorosi e spesso irrimediabili.

Lascia un commento