Melanzana: una insolita e geniale ricetta

La melanzana è depurativa, ricca di potassio, di vitamine A, B1, B2 e B3, antiossidanti e ferro a gogò. Con la sicula pasta alla norma, la tarantina melanzana alla poverella, la campana parmigiana e la melanzana a funghetto tipica partenopea, la melanzana trova la sua più esemplare applicazione in ricette che sono la pietra miliare delle cucina italica. Ma non siamo solo noi quelli bravi a cucinarla, in tutto il Medio Oriente questo ortaggio rimane protagonista e oggi vi propongo una preparazione che ha qualcosa di geniale, ovvero l’abbinamento con il limone.

INGREDIENTI PER 4 COMMENSALI

• 1 melanzana (300 gr circa)

• il succo di mezzo limone

• mezzo spicchio d’aglio

• 30 gr di tahina o un cucchiaino di semi di sesamo

• 3 o 4 foglie di menta

• un cucchiaio d’olio evo (o due se usate il sesamo in semi)

• sale e pepe a proprio piacimento

Si chiama Baba ganush ed è di una bontà unica. Prevede l’impiego di Tahina, una pasta di sesamo che non sempre è reperibile, potete utilizzare il sesamo in semi, leggermente tostato. Vi servirà una bella melanzana che avrete messo in forno a 200° per circa 50 minuti. Successivamente la tagliate in due e, con l’aiuto di un cucchiaio, raccoglietene la polpa, lasciando solo la cuticola esterna.

La polpa andrà tritata con i rebbi di una forchetta. Aggiungeteci il succo di mezzo limone, mezzo spicchio d’aglio tritato finemente e mescolate, unendo olio d’oliva e la tahina. Mescolate energicamente, aggiustate di sale e mescolate ancora. Tritate 2 o 3 foglie di menta e mescolate. Il gioco è fatto. Se ci aggiungete dello yogurt bianco naturale, diventa un ottimo accompagnamento per carni o pesci alla griglia e per verdure cotte o crude, o semplicemente spalmato su una fetta di buonissimo pane.

 

Lascia un commento