Massafra: Fermato per femminicidio il compagno della donna rumena rinvenuta cadavere

Al termine di un’intensa attività investigativa avviata a seguito del decesso, riscontrato il 14 luglio u.s. in un’abitazione del centro storico di Massafra, della 46enne bracciante rumena Violeta Marina CARABINERU, i Carabiniei del Comando Provinciale di Taranto e del N.O.R. della Compagnia di Massafra hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, il 40enne M. G., bracciante rumeno pregiudicato, compagno convivente della donna, accusato di omicidio volontario, violazione di domicilio, lesioni personali, sequestro di persona e porto e detenzione di armi.

Fin dalle fasi immediatamente successive al fatto di sangue, i militari avevano incentrato la loro attenzione sul soggetto, resosi irreperibile a partire dal 10 luglio, data nella quale, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, si sarebbe verificato l’omicidio. Tali ipotesi investigative trovavano conferma nella circostanza che l’uomo, da quel giorno in poi, aveva spento il proprio telefono cellulare, chiamando con altre utenze in modalità “sconosciuto” connazionali residenti a Massafra dai quali cercava di acquisire informazioni sulla propria convivente.

Dalle risultanze degli accertamenti dei Carabinieri, emergeva che il soggetto, immediatamente dopo il proprio rientro dalla Romania, il 9 luglio, appreso che durante la sua assenza la convivente aveva intrapreso una frequentazione con il proprio vecchio compagno, si era recato presso l’abitazione che condivideva con la donna e, dopo aver invano cercato di aprire la porta, non riuscendovi per la presenza della chiave all’interno, aveva rotto la vetrata della stessa con un’antenna a parabola ed una volta entrato aveva sorpreso la 46enne con il suo vecchio compagno. A questo punto, l’uomo avrebbe perso la testa, avventandosi sui due che percuoteva con calci e pugni e con la staffa metallica della parabola, procurando varie lesioni all’uomo che tramortiva ed alla donna che, a seguito delle lesioni riportate, verosimilmente decedeva poco dopo. A quel punto il rumeno, dopo essersi intrattenuto nell’abitazione ed aver finanche legato il rivale, si sarebbe allontanato in treno dapprima alla volta di Bari e poi a Roma. Dopo aver venduto il proprio telefono cellulare e disfattosi anche di alcuni indumenti, avrebbe poi contattato propri connazionali a Massafra per cercare di capire cosa stesse accadendo e quali fossero le condizioni della donna, chiamando sempre da telefoni che si faceva prestare, chiamando con modalità “sconosciuto” o da cabine telefoniche. Da ultimo, resosi evidentemente conto di non avere i mezzi per proseguire la fuga ed appreso chiaramente che la sua compagna era morta, il rumeno si è presentato presso un posto di polizia di Roma, fornendo una versione degli eventi intesa a ridimensionare il violento pestaggio inferto ai due ed in dettaglio indicando che alla donna si era limitato a dare “due schiaffi”. Raggiunto dai Carabinieri di Taranto, il soggetto è stato condotto presso il Comando Provinciale jonico ove, in presenza del suo legale, ha fornito al PM dichiarazioni sulla violenta aggressione, precisando che non intendeva uccidere.

Il fermato è stato quindi tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto, in attesa della richiesta di convalida del fermo al Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Taranto.

Lascia un commento