Massafra: colti in flagranza di reato mentre scaricavano macerie in un oliveto

I Carabinieri Forestali della Stazione di Mottola, durante un servizio mirato al contrasto del fenomeno dell’abbandono di rifiuti, in agro del Comune di Massafra in località Croce, accertavano la realizzazione di una discarica abusiva all’interno di un oliveto.

Infatti, grazie ad uno specifico appostamento, i militari sorprendevano un autocarro che ribaltava il proprio cassone colmo di rifiuti edili, scaricando sul suolo il contenuto.

I carabinieri forestali, oltre allo scarico colto in flagranza, hanno potuto constatare la presenza di circa 160 metri cubi di rifiuti speciali provenienti da attività di demolizione edile, distribuiti lungo una superficie complessiva di circa 600 metri quadri, opportunamente spianata per svolgere nel migliore dei modi l’attività illecita.

Pertanto, i militari intervenuti hanno provveduto immediatamente a porre sotto sequestro l’area e gli stessi rifiuti, oltre all’autocarro utilizzato per lo scopo.

Per quanto era stato realizzato è stato denunciato l’autista del veicolo, dipendente di una locale impresa edile, oltre al titolare della stessa, per gestione illecita di rifiuti nonché realizzazione e gestione di una discarica abusiva, concretizzante i reati puniti dagli artt. 256 co. 1 e co. 3 del Testo Unico Ambientale (D.lgs. 152/06) che prevedono pene sia detentive sia pecuniarie, oltre alla confisca del terreno e dell’autocarro oggetto di sequestro.

Lo scopo di tali condotte era verosimilmente quello di evitare i costi di smaltimento tramite le procedure lecite, creando così un considerevole danno per l’ambiente.

Continuano i controlli dei Carabinieri in tutta la provincia jonica mirati al contrasto di tale deprecabile fenomeno di abbandono di rifiuti nelle campagne e di creazione di tante discariche, grandi e piccole, incontrollate.

Lascia un commento