Manduria: successo per lo spettacolo Povia – Amato

Grande successo per lo spettacolo del duo Povia – Amato tenutosi a Manduria Lunedi sera ed organizzato dall’avv. Giulio Destratis (Presidente dell’Aps Fuorigioco) in collaborazione con la  dirigente dell’Istituto Superiore Einaudi dott.ssa Elena Cavallo.

I monologhi multimediali di Amato si sono alternati alle canzoni di Povia che hanno fatto divertire ed emozionare i tantissimi spettatori presenti. A fare da cornice, la bellissima mostra di vignette dell’artista manduriano Paolo Piccione.

Il duo Povia – Amato ha denunciato i poteri forti, parlando di finanza, attualità e politica. Hanno espresso il loro pensiero, condivisibile o meno è il loro modo di intendere la società.

Il commento di Giulio Destratis: “Mi dispiace per le molte persone che son venute ma non hanno potuto assistere allo spettacolo perché i posti, seppur tantissimi, si erano esauriti, ma sinceramente una presenza così massiccia era aldilà delle più rosee aspettative, anche tenuto conto della grandine e della pioggia caduta a Manduria per tutta la giornata. Si vede che gli argomenti trattati sono stati ritenuti interessanti ed i protagonisti di valore e questo non può che farmi grande piacere. Sono fermamente convinto che al giorno d’oggi occorra avere il coraggio di essere liberi di pensare e di agire secondo la propria natura senza alcun pregiudizio, sempre nel massimo rispetto di tutti, ma senza avere il timore di esser tacciati di omofobia o di xenofobia solo perché si è contrari ad un certo modo di intendere la società. Penso sia assolutamente sbagliata l’idea di alcuni che vorrebbero censurare a priori la voce di un ottimo artista come Povia che lotta per degli ideali e di un professionista come Amato che difende un pensiero che è condiviso da una larga parte di italiani. Loro esprimono all’ascoltatore la propria musica ed il proprio pensiero senza nascondersi, senza veli o fraintendimenti. Così come lo fa egregiamente Paolo Piccione, con le sue eccezionali vignette satiriche. Poi ovviamente il pubblico può condividere o meno queste idee: nessuno, però, può neppure pensare di limitare la libertà di espressione altrui.”

Si riporta di seguito il commento di Povia sulla serata a Manduria, postato sul proprio profilo Facebook: “Successo incredibile ieri a Manduria, ma chiediamo scusa. Io e l’avv. Gianfranco Amato chiediamo scusa alle 150/200 persone rimaste fuori, ma abbiamo optato per un’altra sala perché per questo convegno-concerto con tematiche forti, la palestra (ndr. l’auditorium) non ci avrebbe aiutato, rimbombava tutto. Allora? Chi era presente ieri, si è reso conto della dittatura finanziaria ma ancora peggio culturale che stiamo vivendo? Avete visto i documenti sulla Teoria Gender? Sorpresi? E sul crimine-schiavitù dell’utero in affitto sfruttando ragazze che devono pagarsi gli studi o altre ragazze dei paesi poveri che hanno bisogno di soldi per mangiare e svendono il loro corpo per i capricci di ricchi occidentali che vogliono un bambino a km zero? Avete visto in che prigione ideologica siamo finiti? E dell’Unità d’Italia che ha derubato il meridione e massacrato centinaia di migliaia di meridionali che prima stavano bene e non erano costretti a emigrare ne vogliamo parlare? E dei farmaci sui bambini per cambiare sesso? Avete visto coi vostri occhi? E tante altre cose. Chiunque tenterà di bloccare la nostra iniziativa di informazione, pagherà caro il prezzo. Detto questo ci siamo divertiti, abbiamo cantato i temi, abbiamo riso, abbiamo pianto e abbiamo trovato consapevolezza. Grazie all’Avvocato Giulio Destratis per avere avuto il coraggio di organizzare questo evento unico al mondo. Grazie alla bellissima Federica. Grazie a Marco il Mixer, Annamaria alle luci, grazie a tutti voi che avete organizzato e a voi che avete partecipato!!”

Lascia un commento