Manduria: sacchetti per l’organico finiti. Quali usare? La risposta della IGECO

Molti nostri lettori ci comunicano che avendo finito i sacchetti compostabili per la raccolta della frazione organica dei rifiuti domestici ed essendosi recati all’azienda Igeco per chiederne altri, la risposta avuta dall’azienda è stata che detti sacchetti vengono dati una sola volta in un anno (come da accordi all’atto del contratto con il Comune) e pertanto non è possibile distribuirne altri.

Come è nostra consuetudine fare, per avere informazioni in merito ci siamo messi in contatto con l’azienda Igeco  che ci ha inviato il seguente comunicato:

La problematica sollevata dai lettori è in realtà a noi ben nota, essendoci stata da  più parti comunicata l’ultimazione della fornitura annuale dei sacchetti compostabili presente nel kit consegnato all’inizio del servizio, nonché rappresentata l’esigenza di un’ulteriore fornitura. Tengo a precisare che il numero di sacchetti compostabili consegnato ricalca quanto previsto contrattualmente, e segue l’ipotesi dell’utilizzo di un sacchetto da 10 lt a famiglia per ognuno dei tre turni settimanali di raccolta dell’organico. In assenza di dati reali dell’effettiva partecipazione delle famiglie al servizio, sulla base di statistiche medie di produzione di rifiuto organico, i sacchetti consegnati dovevano essere sufficienti a coprire le esigenze di una famiglia “tipo” per un anno. Orbene, la realtà è che tali dati sono appunto stime, e verosimilmente cambiano anche in base allo stile alimentare di un territorio e delle relative famiglie. Così capita che alcune famiglie probabilmente non utilizzano tutti i sacchetti consegnati perché sono pochi in casa e magari fanno ridotto uso di prodotti “freschi”, ed altre famiglie, numerose, con abitudini alimentari volte al massiccio consumo di prodotti freschi che, producendo rifiuto organico in gran quantità utilizzano un sacchetto al giorno. Questo non è imputabile né all’impresa né all’Amministrazione comunale, bensì alla differenza tra il servizio “stimato sulla carta” e servizio “espletato sul territorio”. Ad ogni buon conto, l’utenza potrà utilizzare gli shoppers (buste della spesa) biodegradabili e compostabili forniti dai supermercati sfruttando, per ciascun turno di raccolta, l’intera capienza del bidoncino da 40 lt.sacchetti_di_plastica_supermercati

Tornando al numero di sacchetti forniti, probabilmente ci sono anche utenti che, ignorando la circostanza per cui la fornitura di buste doveva essere sufficiente per un intero anno, hanno pensato di utilizzarli in modo improprio, ad esempio per conferire altre frazioni. A tal proposito, è utile fare una precisazione: le buste compostabili devono essere utilizzate per conferire ESCLUSIVAMENTE la frazione ORGANICA dei rifiuti domestici.

 

Lascia un commento