Manduria: referendum per la collocazione del depuratore, le dichiarazioni dei politici

A quanto pare prende sempre più piede l’ipotesi, già raccontata in un nostro altro articolo, che prevederebbe come soluzione per l’individuazione del sito del depuratore un referendum cittadino. Questa ipotesi, oltre ad essere sostenibile da un punto di vista tecnico, sembra anche godere del parere favorevole da parte di diversi consiglieri comunali. Noi abbiamo raccolto le dichiarazioni di alcuni eletti nel Consiglio Manduriano che vi riportiamo di seguito.

Ciò che salta all’occhio è la volontà da parte di molti degli intervistati di coinvolgere attivamente nella decisione della localizzazione del sito il popolo di Manduria. Già stasera quindi in una prevista riunione di maggioranza che probabilmente si terrà presso la sede di Manduria Futura dopo le 20:00 si potrebbe discutere dell’argomento.

Intanto riportiamo le dichiarazioni che abbiamo raccolto. Partiamo dal presidente del Consiglio Enzo Andrisano che non nascondendo il suo entusiasmo per l’eventuale soluzione referendum ci ha detto:

Enzo Andrisano: sono d’accordo con una petizione popolare. Il referendum è l’unico strumento democratico per decidere la collocazione del depuratore seguendo la volontà popolare

Silvano Trinchera: sono d’accordo con il referendum, per me sarebbe un ottimo strumento per comprendere la volontà della gente riguardo l’ubicazione del sito del depuratore

Emma Quaranta : sono d’accordo con l’ipotesi referendum perché non esiste atto democratico più importante quando si parla di decisioni che devono essere condivise come la posizione del depuratore

Pierpaolo Barbieri: sono d’accordo con il referendum purché abbia un quorum basso facilmente raggiungibile

Marcello Venere: mi piace l’idea del referendum anche se lo reputo l’ultimo strumento a cui ricorrere

Antonio Curri: non sono favorevole perché mancano fino ad oggi presupposti che lo sostanziano

Mario D’oria : sono favorevole perché darebbe l’opportunità alla città di Manduria di scegliere tra l’ipotesi B e l’ipotesi C

Roberto Puglia: sono un grande sostenitore dell’ipotesi referendaria essendo questo uno strumento che coinvolge il popolo Manduriano

Marco Barbieri: Abbiamo superato tutti i limiti di tempo consentiti, non abbiamo più tempo per un referendum

Arcangelo Durante: sono favorevole al referendum perché lo ritengo lo strumento più democratico in assoluto, prima però dovremmo cercare la soluzione al problema in consiglio comunale

Lascia un commento