I militari della Guardia di Finanza di Manduria hanno scoperto una truffa ai danni dell’INPS e sequestrato 85mila euro pari alla somma intascata indebitamente da una donna di 59 anni, originaria di Torricella.

I finanzieri hanno accertato che la donna, da tempo residente in Toscana, ha continuato a percepire indebitamente la pensione dell’anziana madre, della quale era tutrice, anche successivamente al suo decesso, avvenuto nel 2012.

Non avendo provveduto a comunicare il decesso all’Inps, ha indotto in errore l’Ente pubblico continuando a ricevere sul proprio conto corrente postale gli accrediti mensili pensionistici, pari a 1.000 euro mensili dal 2012 fino ad alcuni giorni fa quando le sono state attivate le procedure di blocco immediato dell’erogazione del trattamento pensionistico.

La donna è stata denunciata all’autorità giudiziaria per il reato di truffa aggravata ai danni di Ente pubblico. L’importo di 85mila euro coincide con l’ammontare complessivo delle rate di pensione indebitamente percepite.