Legambiente Manduria: come difenderci dalla fibra killer dell’amianto

locandina convegno legambienteIl Circolo Legambiente Manduria organizza una campagna d’informazione sul rischio amianto, denominata Eternit free che ha visto l’adesione dell’amministrazione comunale. Prossimo appuntamento è con il convegno del 25 febbraio 2016 alle ore 17,30 presso la sala consiliare.

La campagna è volta a “fornire ai cittadini gli strumenti per difendersi” dall’amianto e promuovere una “rilevazione statistica” della sua presenza nelle aree urbane, industriali e agricole, col fine di un risanamento ambientale e dello smaltimento dei materiali contenenti amianto per arginare l’impatto sanitario provocato dall’esposizione alla fibra killer che causa ogni anno 4mila vittime.

Con questa campagna, Legambiente, oltre che informare sul rischio amianto, intende anche affiancare i cittadini nella fase del monitoraggio di situazioni sospette e in quella del censimento obbligatorio previsto dalla legge. Nell’ambito dell’iniziativa, è stato attivato un numero verde (800 131 026) a cui cittadini ed enti potranno richiedere un sopralluogo tecnico gratuito per verificare l’eventuale presenza di materiali o manufatti contenenti amianto. In caso di esito positivo, quanti ne faranno richiesta saranno affiancati nella compilazione della scheda di autonotifica al fine di procedere al censimento previsto per legge. Ciò, al fine, principalmente, di porre rimedio ad una piaga che continua a devastare il nostro territorio.

A tale proposito, in un comunicato stampa, l’Avv. Giuseppe De Sario, Presidente del Circolo Legambiente Manduria,  afferma:

Si continua a sversare amianto nell’indifferenza di tutti. Spazi incontaminati sono diventati vere e proprie discariche a cielo aperto con la presenza di amianto, materiale nocivo per la salute. E’ risaputo che le polveri contenenti fibre d’amianto, se respirate, possono causare gravi patologie. Qualcuno, però, incurante di tutto ciò e delle normative vigenti in materia, si sbaraglia di tutto senza scrupoli. Queste discariche abusive e illegali stanno diventando ormai una prassi consolidata. In realtà, i cittadini preferiscono abbandonare l’amianto in giro (in tal modo sbagliando) in quanto pensano errando che per loro non sussista alcuna agevolazione e facilitazione che, al contrario esistono e, consentirebbero la raccolta e il conferimento del pericoloso rifiuto presso i centri autorizzati. In merito a ciò, il nostro circolo ha lanciato la campagna regionale denominata Eternit free che ha visto la adesione dell’amministrazione comunale.

Lascia un commento