Interrogazione di Morgante sulla mancata inclusione di giovani laureati nel progetto “Pass laureati”

Il Consigliere Regionale di Alternativa Popolare Luigi Morgante ha presentato questa mattina un’interrogazione urgente all’assessore al Lavoro e Formazione professionale Sebastiano Leo sulla mancata inclusione di giovani laureati pugliesi nel progetto ‘Pass Laureati’.

“Con determinazione dirigenziale della Sezione Formazione Professionale  n. 1029 del 4 agosto 2017 è stato approvato l’Avviso pubblico n. 3/FSE/2017 “Pass Laureati”, nell’ambito del POR Puglia FESR – FSE 2014-2020, il cui obiettivo è intervenire a sostegno dei giovani laureati pugliesi, valorizzandone le capacità e le potenzialità creative, professionali ed occupazionali concedendo voucher formativi a rimborso totale o parziale delle spese di iscrizione di master post-lauream” spiega in premessa Morgante. Tra gli obiettivi generali dell’avviso, figura anche quello di “favorire e sostenere il diritto all’Alta Formazione, facilitando le scelte individuali di soggetti meritevoli attraverso l’erogazione di voucher finalizzati alla frequenza di Master Universitari in Italia e all’estero in quanto, alla base dell’intervento, c’è la convinzione che la presenza di giovani qualificati in Puglia sia la vera grande risorsa per lo sviluppo e la crescita socio-economica e culturale della regione”.

Le azioni finanziabili dell’avviso (indicate espressamente dal paragrafo C) sono rivolte anche a Master post lauream accreditati ASFOR o EQUIS o AACSB o riconosciuti da Association of MBAS (AMBA), erogati da Istituti di formazione avanzata sia privati sia pubblici, di durata complessiva non inferiore a 1.500 ore al cui termine prevedono il rilascio di un attestato finale. “Esistono però altre tipologie di Master” sottolinea Morgante, che cita come esempio quello della Dirextra Costruction Business School, istituto di alta formazione di Manchester (UK), accreditato da CPD (Continuing Professional Development), e destinato a ‘Ingegneri di impresa nel settore delle costruzioni’. “Pur rientrando negli obiettivi generali dell’avviso (crescita della qualificazione professionale di giovani pugliesi, valorizzazione delle capacità e delle potenzialità creative, professionali ed occupazionali, i principali), non è incluso nel progetto ‘Pass Laureati’, con relativa penalizzazione dei pugliesi che lo stanno attualmente frequentando. Il master in questione non è quindi finanziabile in quanto non rientra tra quelli accreditati da enti o associazioni specificate nell’avviso, nonostante la sua durata sia superiore a 1500 ore e preveda il rilascio di un attestato finale” rileva il consigliere.

Da qui l’interrogazione all’Assessore al Lavoro ed alla Formazione Professionale Sebastiano Leo per conoscere “i criteri con cui vengono scelte e selezionate le tipologie di Master ammesse a progetti con relativi finanziamenti, e la ratio che regola anche scelte e orientamenti inerenti gli enti interessanti accreditanti, le ragioni delle inclusioni e soprattutto delle esclusioni”. E ancora, se e come l’esecutivo regionale intende procedere, “con tempestività e immediatezza, per una revisione dell’avviso pubblico n. 3/FSE/2017 “Pass Laureati”, alla luce delle considerazioni esposte e per non creare disparità e discriminazioni tra persone che possono e vogliono arricchire non solo il loro bagaglio professionale, culturale e umano, ma la regione nella quale sono nati e intendono continuare a vivere. Una regione che da decenni sta perdendo progressivamente i suoi migliori talenti, le migliori energie e risorse, che bisogna invece incentivare, stimolare, trattenere e mettere nelle condizioni di operare al meglio, per non compromettere la crescita e il futuro del nostro territorio” conclude Morgante.

Lascia un commento