Inaugurato il Centro Territoriale per l’Autismo, la RSSA e il centro diurno a Mottola

Inaugurato questa mattina il Centro Territoriale per l’Autismo (Cat), la RSSA (Residenza socio-sanitaria per anziani) e il Centro Diurno dell’Unità Operativa Complessa Socio Sanitaria Asl Taranto, sempre a Mottola

“Questo è un emozionante laboratorio di speranza – ha detto Emiliano riferendosi al Centro Territoriale per l’Autismo – che non potrebbe esistere senza i genitori e gli operatori. È uno straordinario meccanismo terapeutico che mette insieme l’amore naturale, inevitabile, qualche volta straziato e disperato, dei genitori con l’amore degli operatori che parte dallo spirito di servizio per trasformarsi in qualcosa di umanamente straordinario. L’umanità ha anche momenti meravigliosi come quelli che ho potuto vedere qui oggi dove ho constatato anche la forza d’animo di questo grande popolo pugliese”.

“Le preoccupazioni che c’erano per questa struttura – ha poi aggiunto Emiliano riferendosi al vecchio ospedale di Mottola che oggi ospita la RSSA e il Centro Diurno – cominciano lentamente a volgersi in positivo. Oggi la riutilizziamo attraverso un esperimento molto interessante. Mettiamo insieme diversi tipi di disagio, da età, da disabilità e anche da marginalità sociale in modo tale che la struttura non sia priva di giovani o di prospettiva anche verso il futuro. Le generazioni possono incontrarsi, insieme alle istituzioni, in questo luogo, un’unica struttura che provvede anche negli ultimi anni della vita a dare conforto e ad assistere le situazioni più difficili. Questa struttura è molto bella e di altissimo livello fatta utilizzando fondi europei con grande intelligenza e con grande affetto nei confronti delle persone”. 

Per il Presidente “Mottola è un esperimento unico nel suo genere” perché oltre a riaprire strutture di grande pregio abbandonate, si mette insieme anche la medicina del territorio, e questo costituisce “una strategia sociosanitaria modernissima che arricchisce Mottola”.

 

Lascia un commento