Crescono le esportazioni della Puglia verso il mondo. Il trend di ripresa del 2017 è confermato da una crescita del 5,9%, nei primi sei mesi dell’anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A darne notizia è l’assessore allo Sviluppo economico delle Regione Puglia, Michele Mazzarano, a margine della Country Presentation sull’India nel padiglione regionale dedicato all’internazionalizzazione.

Trovi il nostro giornale da

“I dati Istat diffusi – ha spiegato l’assessore – confermano la tendenza alla ripresa della Puglia nelle esportazioni. Nel primo semestre del 2017 la Puglia è cresciuta del 5,9%, più dell’Italia meridionale che si ferma allo 0,5%. L’export pugliese è aumentato in termini assoluti da 3,840 miliardi di euro a 4,067.  Ci fa piacere sottolineare che oltre ai numeri importanti nella meccanica, nella meccatronica, nell’Ict, dati positivi si registrano nell’agroalimentare, ma soprattutto nel settore tessile, abbigliamento e calzaturiero, che dopo anni di crisi sta registrando una rinnovata vitalità sui mercati esteri. Ad esempio, l’agricoltura è in crescita del 9%, i prodotti tessili del 10,3%, le macchine ed apparecchi del 31%, i computer e gli apparecchi elettronici ed ottici del 15%. Tutto ciò significa che la Puglia sta mostrando dinamismo e capacità di competere sia nei settori tradizionali che in quelli innovativi”.

“Negli ultimi dieci anni – ha continuato l’assessore – è cresciuta moltissimo l’apertura internazionale delle nostre imprese. La Regione Puglia ha contribuito a favorire questo processo. Proprio per questo abbiamo voluto un padiglione espressamente dedicato all’internazionalizzazione, che rappresenta 23 Paesi del mondo e dove si stanno svolgendo più di 40 appuntamenti, tra workshop, seminari, Country presentation, convegni, collegamenti con le radio e le associazioni dei Pugliesi nel mondo. Così le imprese oltre ad esplorare e conoscere attraverso i desk e le presentazioni le opportunità offerte dai mercati esteri, hanno la possibilità di  partecipare a sessioni di incontri con gli esperti di mercato”.