aaaacicciobelloconpapaSilvestro Bellini, che nel 1962 creò il volto del bambolotto Cicciobello, amato da intere generazioni di bambini, sì è spento all’età di 87 anni all’ospedale di Bergamo.cicciobello

Bellini si era formato all’Accademia Carrara di Bergamo e aveva lavorato come artista disegnatore anche negli Stati Uniti e in Austria. Venne assunto come modellatore alla ‘Sebino’, nel 1962 fu il primo a disegnare il bambolotto a grandezza naturale poi divenuto noto in tutto il mondo.

Il successo di Cicciobello fu tale che l’azienda di giocattoli si espanse fino a dar lavoro a centinaia di persone. Da allora Cicciobello ha fatto tanta strada, cambiando proprietà e adattandosi alle mode e alla società. La Sebino lo produsse fino al 1984, poi marchio e stampi passarono alla Migliorati Giocattoli e successivamente alla Giochi Preziosi, che detiene tuttora i diritti.1967 cicciobello

Occhi azzurri, capelli biondi e 50 cm di altezza avvolti in un completo celeste di lana.  Un volto bellissimo e un morbido corpo, realizzato con uno speciale materiale che conferiscono a Cicciobello un aspetto realistico.  Il primo Cicciobello aveva la voce con disco intercambiabile e se gli toglievi il ciuccio piangeva. Si afferma subito come uno straordinario fenomeno di mercato: solo nel secondo anno di produzione, ne vengono venduti centinaia di migliaia di esemplari. La scelta del nome, un vezzeggiativo perfetto per un dolce pargolo dalle guance paffute, racchiude il concetto di affetto e bellezza, e conquista immediatamente il cuore di mamme e bambine. L’africano “Angelo nero” e il cinesino “Ciao-fiu-lin” si affiancano al modello classico. Cicciobello si fa portavoce della fraternità fra i popoli, promuovendo l’amicizia fra tutti i bambini del mondo.

ciocciobelloLo affiancano presto altre versioni, Cicciobello Sciatore, Cicciobello Go che cammina e canta, Cicciobello Pelle di Pesca che ha la pelle vellutata e profumata di talco, Cicciobello Pappa, Cicciobello Dove Sei che cerca la sua mamma girando la testa e la chiama emettendo dei teneri versetti, Cicciobello Bua che mette in scena il tradizionale gioco “del dottore”, il modello Lacrime Vere muove gli occhi e la bocca e ride se la sua mamma gli fa il solletico e quando ha fame succhia avidamente dal biberon, Cicciobello My Phone con un telefonino touch screen,  questi solo per citarne alcuni, ed ha persino una pagina Facebook.2012_gioca cicciobello