E’ in arrivo il treno Rock

E’ pronto il nuovo treno regionale Rock di Trenitalia, realizzato da Hitachi Rail Italy. È uscito oggi dallo stabilimento di Pistoia il primo esemplare del treno doppio piano a cinque casse che Ferrovie dello Stato Italiane ha voluto per i pendolari italiani. Ora inizieranno i test sui binari. Un tour nelle principali piazze italiane dei modelli in dimensione reali dei nuovi convogli della flotta regionale. Le prossime tappe saranno Palermo, Bari e Reggio Calabria dopo Bologna, Torino, Firenze, Genova, Roma e Verona. Un’occasione dedicata a cittadini e pendolari per conoscere le caratteristiche tecniche e tecnologiche dei nuovi treni.

Rock ha potenza massima di 3400 kW, capace di raggiungere la velocità massima di 160 Km/h con un’accelerazione di 1,10 m/s2 ed in grado di trasportare 629 passeggeri seduti (versione cinque casse).

Inoltre, il Rock è best performer in termini di sostenibilità ambientale. Garantirà, infatti, un consumo specifico inferiore di circa il 30% rispetto ai treni comparabili presenti oggi sul mercato e avrà una riciclabilità dei materiali superiore al 95%. 

All’interno i nuovi convogli adottano sedili di nuova generazione in grado di migliorare l’ergonomia, garantire elevati livelli di comfort e un maggior spazio per le gambe. Ampie superfici vetrate garantiscono un’elevata trasparenza verso l’esterno. Previsti postazione per biciclette, area nursery dedicata e predisposto per la rete WI-FI di bordo. La livrea ricalca schema e colori già in uso nella Divisione Trasporto Regionale di Trenitalia, seppur con le porte di salita che anziché verde acido sono di colore giallo; colore che ha peraltro subito una lieve modifica nella tonalità che sui Rock è stata accentuata rispetto a quanto finora visto su altri rotabili Trenitalia.

Le prime regioni a ricevere i nuovi Rock saranno l’Emilia-Romagna con 39 convogli, (25 a cinque casse e 14 a quattro casse); seguiranno il Veneto con 47 convogli, la Liguria con 28 e la Toscana con 4. L’entrata in servizio commerciale è prevista per la primavera del 2019.

«Stiamo cambiando la vita dei pendolari italiani con un piano di investimenti da 4,5 miliardi in nuovi treni», ricorda l’amministratore delegato del gruppo Fs Renato Mazzoncini, riferendosi alla maxi commessa per trecento Rock, che va ad aggiungersi ai 150 treni Pop di Alstom, per rivoluzionare il trasporto regionale. «Un’operazione industriale che, per valore economico e numero di treni, non ha precedenti in Italia», aggiunge, assicurando di voler «migliorare la mobilità integrata collettiva e condivisa del Paese».

L’obiettivo, sottolinea l’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono, è «portare comfort, pulizia, sicurezza, informazioni a bordo dei nostri treni regionali al livello di quelli dell’alta velocità» e che «la grande accelerazione dei nuovi treni garantirà ancora più puntualità. Vedremo i primi nuovi treni correre dalla primavera del 2019 sulle linee dell’Emilia-Romagna (39) e poi in Veneto (47), Liguria (28) e Toscana (4)».

Lascia un commento