Per lunedì 19 c.m. il comitato intercomunale di protesta popolare verso il costruendo depuratore consortile di Manduria e Sava ha organizzato la manifestazione presso il punto in cui dovrebbero iniziare i lavori del depuratore.

Trovi il nostro giornale da

Il Presidente del Consiglio di Avetrana, Francesco Saracino, invita ad una manifestazione libera e pacifica che permetterà a chi ne farà parte di esprimere il proprio dissenso nei confronti di questa scelta.

A tal proposito, “vorrei fare a tutti i partecipanti – scrive su Facebook Saracino – alcune raccomandazioni: manifestare è e sarà un nostro diritto così come sancito dalla legge, come è un nostro diritto farlo in maniera pacifica e sicura, ciò comporta la presenza sicura di forze di polizia che hanno sì un cuore e un’anima sotto la divisa per capire noi e la problematica per la quale stiamo lottando, ma vestono una divisa e sono “costretti” a svolgere il loro diritto-dovere, quello di lavorare, ciò vale anche per gli operai della ditta appaltatrice e ai suoi tecnici presenti sul posto che non sono direttamente colpevoli di quanto potrà realizzarsi”.

“Non ci è dato sapere se realmente qualcosa avverrà lunedì (tutti ci auguriamo di no!) – continua il Presidente del Consiglio – ma prego tutta la cittadinanza attiva, tutti comitati e i loro aderenti di manifestare come già fatto finora in maniera unita e ben organizzata, di utilizzare toni distensivi e di non fomentare alcun tipo di protesta che non sia rispettosa nei confronti degli altri. Dobbiamo far valere i nostri diritti ma non dobbiamo mai calpestare quelli altrui. Il momento non è “incandescente”, come hanno scritto sui giornali oggi; – conclude Saracino – riteniamolo un momento altamente delicato, ma che con forza di volontà e restando uniti spero vivamente, riusciremo a centrare il nostro obiettivo”.