A Taranto presto la Tomoterapia, prima in Puglia

Lunedì scorso sono state avviate le attività relative al finanziamento di 70 Milioni di euro.

La ASL di Taranto ha già provveduto a bandire la prima procedura relativa all’acquisizione dell’apparecchiatura per Tomoterapia. Si prevede che il sistema richiederà un impegno di spesa pari a 4,5 Milioni di euro, a cui andranno aggiunti i lavori necessari per la sua installazione, che si prevede avverrà entro il maggio del 2019.

Il sistema per Tomoterapia conta più di 550 sistemi funzionanti nel mondo, con 27 sistemi installati in Italia, a cui si aggiungerebbe il sistema di Taranto, primo in Puglia.

La Tomoterapia è la tecnica più moderna di Radioterapia e rispetto ai trattamenti convenzionali permette una irradiazione molto più selettiva del tumore e un elevato risparmio dei tessuti sani. Si potranno quindi colpire i tumori in maniera sempre più precisa e rapida garantendo una capacità di risposta ancora più puntuale e ampia rispetto ai bisogni di salute.

L’apparecchiatura è estremamente versatile ed efficiente per la irradiazione sia di lesioni molto piccole, sia di lesioni molto grandi, rendendo possibile eseguire anche trattamenti su più sedi corporee simultaneamente in tempi minori rispetto ai tempi richiesti dai trattamenti tradizionali e in continuo monitoraggio delle variazioni corporee del paziente in modo da adeguare il trattamento al mutare della situazione in tempo reale. La previsione è quella di migliorare in termini di «cura» la malattia oncologica riducendo contemporaneamente la tossicità dei trattamenti, che diverranno sempre più brevi e consentiranno una qualità di vita ulteriormente migliorata dei pazienti.

Le patologie oncologiche più frequentemente trattate con la Tomoterapia sono, a titolo esemplificativo, i tumori della prostata, i tumori localmente avanzati del pancreas, i tumori del distretto otorinolaringoiatrico, i tumori del retto, i tumori del polmone sia in stadio iniziale che localmente avanzati, le lesioni metastatiche del fegato.

L’installazione della nuova apparecchiatura avrà un forte impatto nella caratterizzazione oncologica della ASL di Taranto che, nel lavoro di sinergia dei suoi specialisti punta ad ottenere sempre i migliori risultati a livello di cura.

I manager dell’ASL di Taranto si mostrano soddisfatti dell’attività avviata, sottolineando anzitutto come l’acquisizione dell’apparecchiatura per Tomoterapia costituisca indubbiamente un fatto di importante impatto sanitario; inoltre, evidenzia il management, il fatto che a Taranto venga installato il primo sistema di questo tipo nella nostra regione costituisce motivo di orgoglio per l’Azienda Sanitaria jonica, nonché per la cittadinanza tarantina, che sembra oggi vivere una storia diversa rispetto al passato, quando veniva particolarmente penalizzata e “marginalizzata” dalle politiche sanitarie.

Lascia un commento